Resoconto Firenze Precaria 1 Aprile 2011

Uncategorized

Venerdì 1 Aprile, si è tenuto presso l’associazione il giardino dei ciliegi il terzo incontro di Firenze Precaria.

Era presente Cristina Morini e insieme a lei abbiamo discusso dei temi trattati nel suo libro Per amore o per forza. Femminilizzazione del lavoro e biopolitiche del corpo, OmbreCorte, Uninomade, Verona.

In particolare abbiamo parlato della razza precaria, dei nuovi confini del lavoro e di come sia necessario parlare di biopolitiche del lavoro nel tentativo di rintracciare limiti e potenzialità del lavoro oggi.

Si è parlato con le presenti di come i condizionamenti attuati sulla vita degli individui dalla temporalizzazione dei contratti di lavoro investa la dimensione personale della vita e di come le nuove tecnologie supportino e amplifichino la pervasività del lavoro.

Ci siamo interrogate su dove le donne si collochino rispetto alla precarietà del lavoro oggi e lo abbiamo fatto parlando di femminilizzazione del lavoro. Fenomeno accolto favorevolmente in epoche passate e che sembra attualmente rappresentare una modalità comune e trasversale per tutt* che investe  il come si vive e si sta nel lavoro. Viene richiesto un’ampio spirito di adattamento, una capacità di andare oltre i normali orari del lavoro, un coinvolgimento passionale/affettivo nel fornire temi, contenuti e strategie su iniziative progettuali, ricerche, didattica e tanto altro ancora. Ogni prestazione viene inglobata in una dimensione “economica”.

Nelle modifiche normative apportate al lavoro in questi mesi (Legge 04.11.2010 n° 183), la riforma Gelmini in ambito universitario ha posto molti ricercatori nella condizione di volontari della conoscenza per cui il prezioso contributo  offerto nel settore della didattica e della ricerca oltre che apparire invisibile a molti, è  totalmente assente e non corrispondente a un adeguato riconoscimento economico. Questo aspetto fa del lavoro oggi un territorio in cui il singolo nel bene e nel male, cerca di sopravvivere nella giungla dei ricatti e dei rinnovi contrattuali di tipologia “a patto che”.

Ci siamo soffermate sulla necessità di ricreare una dimensione collettiva del lavoro oggi e di come la narrazione delle singole storie possa contribuire a costruire un pensiero dell’esperienza precaria.

Fra i prossimi appuntamenti segnalati la manifestazione del 9 Aprile a Roma promossa dal comitato ” il nostro tempo è adesso” e gli Stati generali della Precarietà 3.0 che si terranno a Roma dal 15 al 17 Aprile 2011.

Al prossimo appuntamento di FirenzePrecaria.

Vai al blog de “il nostro tempo è adesso”

Vai alla paginaweb degli Stati Generali 3.0

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...