Abc della precarietà

Uncategorized

Il Giardino dei Ciliegi – Via dell’Agnolo 5, Firenze
Abc della precarietà: laboratorio
organizzato dal Giardino dei Ciliegi con Le Acrobate e Corrente Alternata

29 novembre-1 dicembre 2013

venerdì 29 novembre
ore 15,30
Vivere e lavorare da migrante: una doppia precarietà
con Giorgia Bordoni e Azeb Lucà Trombetta
ore 16,45
Per un discorso sulla precarietà
con Aldo Ceccoli, Federica Giardini e Renato Busarello
conduce Maria Chiara Patuelli

sabato 30 novembre
dalle ore 9,30
Re-sisters: pratiche quotidiane di resistenza attiva alla precarietà*
a cura di Corrente Alternata
ore 15,30
Abecedari precari. Parole, (pratiche) e resistenze ai tempi della crisi**
conducono Le Acrobate e Chiara Martucci

domenica 1 dicembre ore 9,30
Prima di domani: quali immaginari sulla precarietà
conducono il dibattito Cristian Lo Iacono e Chiara Martucci

*Re-sisters: pratiche quotidiane di resistenza attiva alla precarietà
Questo spazio di condivisione organizzato da Corrente Alternata è dedicato a uno
scambio di esperienze che raccontano le dinamiche dell’oggi e l’inventarsi quotidiano in
un mondo precario. La crisi e la precarietà condizionano il lavoro, la casa, il fare politica,
le relazioni affettive innescando nel territorio percorsi di sperimentazione quotidiana: il
mettersi in comune per creare reti e percorsi condivisi e alternativi al modello
economico. Scelte di vita profondamente controcorrente, che vedono nel mettere in
comune il quotidiano una possibilità di migliore r-ESISTENZA. Invitiamo a condividere
con noi le esperienze di persone che hanno costruito diverse alternative, ad esempio in
relazione alla necessità abitativa, ma non solo. Re-sister, un gioco di parole per
sottolineare il nostro sguardo di genere su queste esperienze. Corrente Alternata nasce nel 2007 come associazione di promozione sociale con l’obiettivo di
porre uno sguardo di genere in temi quali il lavoro precario, i diritti, la sessualità e l’arte. Dalla
sua nascita ha promosso soprattutto iniziative di informazione e sensibilizzazione sul tema della
precarietà lavorativa. Dall’anno scorso ha intrapreso un percorso di costruzione di un sapere
condiviso da una prospettiva di genere attraverso l’organizzazione periodica di laboratori sulla
precarietà. I nostri percorsi si basano sull’interesse di agire sulla precarietà partendo da noi
stess*, dalla nostra esperienza quotidiana di donne e uomini. Nei nostri laboratori abbiamo
sperimentato forme di lavoro di gruppo in cui attiviamo e promuoviamo una pratica della
relazione in grado di dare un nome alle problematiche connesse con l’instabilità lavorativa, con i
nostri desideri creativi, con la necessità di stabilire reti di prossimità in opposizione alla
solitudine politica che il lavoro precario crea nelle nostre esistenze.

**Abecedari precari. Parole, (pratiche) e resistenze ai tempi della crisi
In questo laboratorio noi Acrobate metteremo a tema le nostre esperienze singolari, per
tentare di trovare voci e strategie collettive per esistere e resistere ai tempi della Crisi.
Grazie a una serie di giochi/esercizi ripresi dal Teatro dell’Oppresso, cercheremo di
conoscerci meglio e di uscire dalle nostre corazze per riuscire poi a raccontarci, senza
retorica o facili vittimismi, le contraddittorie traiettorie delle nostre vite precarie.
Lo stratagemma euristico che abbiamo deciso di utilizzare è quello di un abecedario,
imperfetto e in divenire, che possa con elasticità raccogliere le nostre narrazioni, dando
loro una cornice comune e – possibilmente – a noi comuni chiavi di interpretazione e
strumenti di azione della/nella realtà di cui facciamo parte.
A come autodisciplina, C come cassa integrazione, F come flessibilità e figli…
Un abc per dirci e capirci. E da cui partire per nominare e immaginare le pratiche del
nostro presente e del futuro.
L’idea di questo laboratorio nasce dal decennale intreccio dei percorsi di riflessione e azione
politica portati avanti dal collettivo Sconvegno, di cui ha fatto parte Chiara dal 2001 al 2012, e
dalle Acrobate (Elisa Coco, Pamela Marelli, Maria Chiara Patuelli, Antonella Petricone, Roberta
Rebori, Alessia Rocco), collettivo nato nel 2005 dall’esperienza della scuola estiva Raccontar(si), a
Villa Fiorelli. Quello della ricerca di strumenti per orientarsi e districarsi, in funambolico
equilibrio, nella complessità delle nostre vite precarie è l’elemento che ci accomuna. Il Workshop
“Abecedari precari. Parole, (pratiche) e resistenze ai tempi della crisi” rappresenta un’ulteriore
tappa del nostro interrogarci camminando, che ci piace condividere con altr*.

Per informazioni/iscrizioni
Clotilde Barbarulli <barbarulli@tiscalinet.it>
Liana Borghi <liborg@cosmos.it>
http://www.ilgiardinodeiciliegi.firenze.it/
http:// http://www.interculturadigenere.eu/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...